Slow Fish a Genova dal 14 al 17 maggio per cambiare rotta e salvare il mare

By 18 Marzo 2015 News sull'acciaio

Insieme a pescatori, ricercatori, scienziati, studenti, chef e artigiani del cibo per cercare di “capire come nutrire il nostro pianeta a partire dalla tutela dei nostri mari, cambiando l’attuale rotta, che non vuol dire stravolgere le nostre vite ma iniziare da piccoli accorgimenti e maggiore riflessione”. Questo l’obiettivo degli organizzatori di Slow Fish 2015, che torna al Porto Antico di Genova dal 14 al 17 maggio con 21 Laboratori del Gusto, 8 corsi dei Master of Food e 4 Appuntamenti a Tavola con star della cucina italiane e internazionali per “la scoperta del cibo vero, buono, pulito e giusto”, coniugando il piacere della buona tavola al rispetto dell’ambiente che ci circonda.
La manifestazione è stata presentata questa mattina, nella cornice di Palazzo San Giorgio, dal presidente di Slow Food Carlo Petrini, dal presidente della Regione Liguria Claudio Burlando, dal segretario di Slow Food Daniele Buttignol e dal presidente della Commissione Scientifica di Slow Fish Silvio Greco. Obiettivo della kermesse genovese è anche questa volta fare conoscere alle nuove generazioni risorse e problemi con attività specifiche. Una possibilità che agli adulti è offerta con la via della buona spesa: quest’anno, infatti, il Mercato di Slow Fish è arricchito dalla presenza di una trentina di produttori dei Mercati della Terra liguri di Cairo Montenotte eSarzana.
Per approfondire ci sono anche i Laboratori dell’acqua dove ascoltare il racconto delle donne e degli uomini impegnati “a migliorare ogni giorno la Terra che lasceremo in eredità alle generazioni future” è stato spiegato oggi alla presentazione. Tra un acquisto e un incontro ci si può fermare in Enoteca o nella Piazza della birra e pranzare nelle Cucine di Strada.
Anche quest’anno la kermesse del capoluogo ligure si avvarrà della presenza del Consorzio RICREA, da quattro anni, ormai, partner ambientale “fisso” del Salone del mare.
RICREA, tra le altre iniziative, si occuperà, in particolare, di promuovere attività didattiche (educational) riservate ai più piccoli con veri e propri laboratori di lettura legati al mondo del mare e della pesca. Con una novità. Oltre a fornire, un po’ a tutti gli stand, arredi (sedute, tavoli e secchielli) ricavati da imballaggi d’acciaio riciclati, il Consorzio metterà a disposizione dei tanti laboratori del gusto in programma durante la “quattro giorni” di Genova, anche un gran numero di vassoi d’acciaio che saranno utilizzati per servire piatti e portate ai clienti. Un sodalizio speciale, quello che lega RICREA con il mondo dei sapori, iniziato nel 2008 e che ha già visto la struttura di via Pirelli partner ambientale (da quattro edizioni) del Salone del gusto di Torino e di Cheese (tre edizioni), la biennale braidese dell’eccellenza casearia.

Leave a Reply