Napoli, parte “EnergyMed” la fiera sulle fonti rinnovabili e l’efficienza energetica nel Mediterraneo

By 9 Aprile 2015News sull'acciaio

Ha preso il via questa mattina, negli spazi della Mostra d’Oltremare di Napoli, l’ottava edizione diEnergyMed: la tre giorni (si concluderà l’11 aprile) organizzata dall’Anea (Agenzia Napoletana per l’energia) dedicata all’efficienza energetica, al riciclo ed alla mobilità sostenibile. Al convegno inaugurale sono intervenuti, tra gli altri, il presidente del consorzio Anea, Francesco Gagliardi, l’assessore comunale all’Ambiente, Tommaso Sodano, l’assessore regionale all’Università e Ricerca,Guido Trombetti.
“I finanziamenti europei ai progetti sulle rinnovabili sono fondamentali – ha detto Gagliardi – perché la diffusione dell’energia nel rapporto con l’ambiente è un problema che deve vedere partecipi tutti. Servono investimenti consistenti nella ricerca non solo da parte dell’Italia, che attualmente fa poco, ma anche dei Paesi del Mediterraneo. I fondi europei – ha proseguito – devono non solo arrivare ma anche essere spesi, e la Regione nella programmazione della spesa dev’essere un player fondamentale”. A chi gli chiede se finora lo è stato, Gagliardi dice che “poteva fare di piu'”.
Per l’assessore Trombetti “questa di EnergyMed è un’iniziativa pregevole perché l’energia è un tema centrale. La Regione Campania – ha aggiunto – ha attivato sei distretti tecnologici (500 imprese, 7 Universita’, 40 enti di ricerca), ed uno dei distretti si denomina proprio ‘distretto dell’energia’, quindi ‘nomen omen’, la denominazione chiarisce la finalita’. Sappiamo – ha continuato Trombetti – che l’energia significa progresso ma anche inquinamento, quindi non bisogna mai smettere di lavorare e fare ricerca, perche’ da un lato bisogna realizzare fonti energetiche alternative ma dall’altro e’ necessario approvvigionarsi di energia”.
“Il lavoro di questi anni ci ha permesso di mettere progetti in campo per intercettare i fondi sulle smart cities” ha spiegato il l’assessore, nonché vicesindaco di Napoli, Tommaso Sodano. Una frontiera su cui il Comune, ha ribadito Sodano, “grazie all’Associazione Napoli Smart City è pronto alle nuove opportunità che si apriranno sui fondi europei. Ma sopratutto abbiamo una nostra autonomia progettuale per non puntare semplicemente ai finanziamenti ma per creare progetti di occupazione e sviluppo”.
Al Salone del polo fieristico partenopeo, dove sono presentate grazie a 200 aziende espositrici le ultime novità della “green economy”, si è riscontrato nella giornata di apertura grande partecipazione di pubblico privato e di operatori di settore. Tra le curiosità in mostra, per la mobilità sostenibile, biciclette elettriche a pedalata assistita, personal transporter, a una e due ruote, e veicoli ibridi sono risultati i più gettonati, mentre nel segmento riciclo si promuove l’incentivazione al cittadino, con riduzione di costi o bonus, per la raccolta differenziata. L’efficienza energetica di edifici pubblici e privati, con soluzioni diverse di risparmio, sono il punto di riferimento di architetti ed ingegneri che puntano sulla sostenibilità.