Iniziative e progetti locali

Milano - Cestini d'autore


Partecipando a “Cestini in cerca d’autore”, l’iniziativa promossa da A2A, Amsa e Comune di Milano, gli studenti di 133 classi provenienti da 11 scuole milanesi si sono sfidati nella personalizzazione creativa dei cestini per la raccolta differenziata, utilizzando diverse tecniche artistiche e materiali di riciclo. Il contest è parte di #Ambienteascuola, il progetto di sensibilizzazione sulla corretta raccolta differenziata, realizzato nel 2018 con il contributo dei consorzi Cial, Comieco, Corepla e Ricrea.
In totale sono stati 12.000 gli studenti coinvolti, e 3.000 i contenitori per la raccolta differenziata consegnati: plastica e metalli (acciaio e alluminio), carta e cartone e indifferenziata.

Bari - Sfida d'acciaio


Sfida d’acciaio” è la campagna in corso nella città di Bari che invita i cittadini a scoprire il valore dell’acciaio e l’importanza della raccolta differenziata degli imballaggi in acciaio. Già nel 2018 RICREA aveva portato Capitan Acciaio nel capoluogo pugliese e, dato il successo ottenuto da questo amatissimo personaggio, in termini di pubblico coinvolto e di modifica tangibile dei comportamenti in tema di raccolta differenziata e avvio a riciclo, il Consorzio ha scelto di nominarlo “testimonial” della nuova campagna di sensibilizzazione, con un nuovo obiettivo da raggiungere: 400 tonnellate di contenitori in acciaio in un anno. Una sfida non da poco ma non impossibile per la città che ha esteso ulteriormente la raccolta porta a porta. Al termine dell’iniziativa, il Comune di Bari sarà premiato da RICREA con nuovi scivoli, altalene e altri giochi interamente realizzati in acciaio, destinati ai giardini e alle aree pubbliche.
“Il nostro obiettivo come Consorzio è quello di migliorare ulteriormente i già incoraggianti risultati raggiunti dalla Città di Bari, informando i cittadini sulla ‘convenienza ambientale’ della raccolta differenziata degli imballaggi in acciaio – spiega Roccandrea Iascone, responsabile Comunicazione di RICREA.

Toscana - Rifiuti: una storia continua


“C.S.I. Toscana”, “Trash & The City” “Cassonetti da Incubo”, “Trono di spazzatura”… Prendono spunto dalle fiction televisive più popolari e dai reality i filmati delle serie “Rifiuti: una storia continua”, ideati da Toscana Ricicla in collaborazione con i Consorzi nazionali di filiera, Cial (alluminio), Comieco (carta e cartone), Corepla (plastiche), Coreve (vetro) e RICREA (acciaio). Quattro serie, composte da 8 puntate della durata di 2 minuti, ispirate alle fiction a tema “crimine”, “ospedali” e “situation comedy”, per insegnare ai cittadini toscani a riciclare gli imballaggi nel modo corretto, strappando un sorriso. Il registro prescelto è infatti quello della parodia. Grazie alla riconoscibilità dei contesti e al taglio ironico, questo progetto ha coinvolto pubblici di ogni età con migliaia di visualizzazioni e una diffusione virale che ha superato ogni aspettativa.I video sono stati pubblicati sul canale YouTube, sulla pagina Facebook di Toscana Ricicla, su Instagram, Twitter e sui siti e sulle piattaforme social dei Consorzi di filiera e delle aziende.

Parma - Giocampus


Giocampus” è un progetto ideato da istituzioni pubbliche e aziende presenti nel territorio di Parma circa vent’anni fa, che promuove il benessere delle future generazioni attraverso l’educazione motoria e l’educazione alimentare.
Da quest’anno, RICREA fa parte del comitato scientifico per i progetti di educazione ambientale che coinvolgerà oltre 10.000 alunni. Da ottobre a maggio, saranno 150 i professionisti coinvolti: da una parte, i Maestri del Movimento che affiancano le insegnanti sviluppando proposte in linea con i programmi ministeriali e con quei principi validati dal comitato scientifico di Giocampus; dall’altro, invece, i Maestri del Gusto che accompagnano gli alunni in un percorso ragionato di avvicinamento e conoscenza del cibo, delle sue componenti e dell’interazione del modello alimentare con l’essere umano e l’ambiente circostante. E per l’ambiente entra in gioco il Consorzio RICREA: molti prodotti della dieta mediterranea sono confezionati con gli imballaggi d’acciaio, materiale che ne preserva le caratteristiche nel modo migliore e che è amico dell’ambiente perché riciclabile al 100% infinite volte. Il fatto che “Giocampus” si svolga a Parma non è casuale: in questa provincia operano molte aziende che producono imballaggi in acciaio per alimenti, che volentieri partecipano a questo importante progetto con il coordinamento di RICREA.