Da Enea la piattaforma per ridurre le bollette delle Pmi

By 11 Aprile 2015 News sull'acciaio

Tagliare la bolletta delle Pmi del settore agro-alimentare dell’area mediterranea attraverso specifici strumenti basati su interventi di efficienza energetica e la diffusione di tecnologie rinnovabili: questo l’obiettivo del progetto europeo “Sinergia” che l’Enea ha presentato ieri aEnergyMed 2015, nell’ambito del convegno “Efficienza energetica ed energie rinnovabili: strategie, strumenti e opportunità per le Pmi agroalimentari”, alla Mostra d’Oltremare di Napoli).
Nel corso del convegno, il focus si è incentrato su tre specifici strumenti per ridurre i consumi e quindi la spesa per l’energia delle Pmi che ad oggi è quella fra le più elevate d’Europa. Si tratta di: – una piattaforma web che permette alle imprese di verificare e valutare in maniera autonoma i propri consumi energetici ed identificare gli interventi per migliorare l’efficienza energetica; – un database europeo “Fet- Food energy technology“, con le tecnologie piu’ innovative per l’efficienza energetica applicate ai diversi settori produttivi, ai diversi processi (cottura, pastorizzazione, essiccazione, refrigerazione) e ai diversi servizi (illuminazione, riscaldamento e raffrescamento) nel comparto agroalimentare; – un atlante che consente di identificare geograficamente sia le aziende che hanno gia’ introdotto innovazioni e costituiscono pertanto i migliori esempi, sia i fornitori delle tecnologie.
Questi strumenti saranno veicolati e promossi dagli “help desk” locali (camere di commercio, agenzie per l’energia, sportelli per l’innovazione, centri di consulenza pubblici) in grado di fornire informazioni sul progetto e sull’accesso ai finanziamenti nazionali ed europei. Oltre all’Enea sono coinvolti altri 7 tra istituti di ricerca, federazioni di categoria e centri di trasferimento tecnologico di Italia, Francia, Spagna, Slovenia, Croazia, Grecia.
“‘Sinergia’ vuole stimolare la cooperazione tra territori – ha dichiarato il coordinatore del progettoNicola Colonna, agronomo Enea – per fare del Mediterraneo una regione competitiva a livello internazionale, assicurando crescita e occupazione, oltre a promuovere la coesione territoriale e la tutela ambientale in una logica di sviluppo sostenibile”. “Fet – ha aggiunto Colonna – rappresenta il primo passo di un percorso che si concluderà con lo sviluppo del sistema di autodiagnosi energetica per aumentare la consapevolezza su risparmi e benefici ottenibili dall’introduzione delle tecnologie oggi disponibili. Si tratta appunto della piattaforma web che servirà a identificare le tecnologie più idonee, in particolare, alle piccole imprese, spesso di natura familiare o con forti necessità di specifiche competenze ed abilità tecniche”.
Coordinato dall’Enea (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie), il progetto europeo per l’efficienza energetica nell’agroalimentare “Sinergia” è cofinanziato con circa 2 milioni dallaCommissione europea nell’ambito del Programma di cooperazione transnazionale Med, Europe in the Mediterranean.